Il Forum del 14° Corso dell'Accademia Militare di Modena

Benvenuti nel nostro Forum. Potete liberamente lasciare messaggi

Il Forum del 14° Corso dell'Accademia Militare di Modena
Start a New Topic 
Author
Comment
BILANCIO RETROSPETTIVO a cura di Gaetano Calcagnile

L'amico Gaetano, avendo al momento problemi di connessione alla "rete" mi ha inviato le sue riflessioni per l'inserimento nel "Forum" cosa che faccio con vero piacere:

A settant’anni già suonati da un pezzo, capita di volgersi un attimo indietro per azzardare un sommario bilancio e tracciare un rapido consuntivo.
La domanda – quasi spontanea – che in questi casi ci si pone è la seguente: potendo tornare al tempo dei venti anni, saremmo disposti a rifare le stesse scelte e a ripercorrere il medesimo cammino?
Per coerenza di vita la risposta dovrebbe essere affermativa, ma vedremo che non è così facile.
Allora procediamo con ordine.
Innanzitutto occorre considerare che i tempi cambiano e l’entusiasmo giovanile resta un piacevole ricordo ( tra le storiche mura di Modena eravamo una formidabile forza della natura, costituita da giovani selezionati, fisicamente molto forti e profondamente motivati ! ).
Ai nostri giorni, invece, gli ideali e le motivazioni ci sono ancora, ma devono fare i conti – acciacchi a parte – con la componente razionale che gradualmente ha preso il sopravvento su quella dei sentimenti.
Le soddisfazioni personali, le gratificazioni dello spirito e gli arricchimenti culturali hanno accompagnato la nostra professione di ufficiali ( in sostanza, abbiamo fatto quello che avevamo scelto e ci piaceva fare ! ) , ma quanto hanno pesato sugli affetti familiari ?
Non si possono sottacere, infatti, i disagi connessi ai trasferimenti, che normalmente hanno comportato lo spostamento di moglie (con cambio di sede lavorativa, se svolgeva attività ) e figli (veri e propri traumi causati a loro dal distacco radicale da un istituto scolastico a un altro situato in una città diversa ) e di tutte le masserizie per la periodica ricostruzione di un nuovo tetto ( per inciso, tanto di cappello a coloro cui è toccata in sorte la necessità di fare il “ pendolare “ per mesi e per anni ! ).
Inoltre, si trovano ancora compagne di viaggio votate a sacrifici e rinunce, nonché disponibili a condividere questo genere di travagli ripetuti nel tempo ?
La risposta alla domanda iniziale, quindi, non è affatto scontata perché il discorso coinvolge tematiche che incidono notevolmente sulla costruzione del nucleo familiare e sul mantenimento della sua compattezza.
Ciò premesso, in via preliminare esprimo il dovuto rispetto per chi avesse maturato un pensiero diverso o fosse pervenuto a conclusioni opposte alle mie.
Ritengo, però, assolutamente necessario rivolgere alle nostre fedeli compagne ( ovviamente anche alle purtroppo non poche vedove di nostri colleghi che sono andati avanti ) un rinnovato e riconoscente GRAZIE DI CUORE per avere – insieme e per anni – affrontato e superato problemi e difficoltà nella vita di ogni giorno, rendendo più agevole l’impegnativo percorso degli anni ruggenti.
Comunque siano andate le cose, ancora con ardore grido il mio EVVIVA AL 14° CORSO !
Gaetano Calcagnile"